lunedì 28 luglio 2008

Quando i maritozzi cucinano

Questa mattina ero alle prese con ferro da stiro, lavatrici da fare, panni da stendere, bagagli da preparare, insomma in pieno delirio pre vacanza.. Il pranzo era davvero l'ultimo dei miei pensieri, il maritozzo ha deciso così di mettere mano al frigo, e con un paio di pomodori(spettacolari, arrivati direttamente ieri dall'orto, un sapore che non vi so descrivere) e una mozzarella ha preparato un veloce e gustosissimo pranzetto.. Mi sa che l'ho contagiato con il blog, perchè una volta seduti a tavola faccio per prendere la prima fetta, mi ferma ed esclama: "Gli fai una foto?" è proprio vero che chi va con lo zoppo impara a zoppicare,e così eccomi quà a postare la caprese casalinga del maritozzo..

Vi presento con orgoglio il capolavoro tricolore che ha preparato Roberto..



Vi auguro buone vacanze, vado a controllare se c'è tutto in valigia, e ci si vede al ritorno con altri esperimenti...

Ciao Tiziana

venerdì 25 luglio 2008

Cuscinetti di prosciutto e brie



Quando ci si accinge a prepararsi per le ferie, bisogna iniziare a svuotare il frigorifero, ed è così che nascono le famosissime ricette SVUOTAFRIGO. A proposito oggi è stato il primo giorno di non lavoro, bello andare per negozi il venerdì mattina, non c'è nessuno e puoi girare in tutta tranquillità.

Ingredienti:
  • prosciutto cotto
  • formaggio(il frigo proponeva il brie)
  • panatura di mais(o pan grattato)
  • 1 uovo
  • sale
  • olio

Procedimento:

questo era quello che proponeva il frigo e che doveva essere fatto fuori; ho sbattuto l'uovo con un po' di sale, tagliato a fette il brie e messo due pezzettini su ogni fetta di prosciutto, arrotolato tutto e chiuso dando una forma di cuscinetto(puro caso, era solo per evitare la fuori uscita del formaggio in cottura).



Passato nell'uovo e impanato con la farina di mais per impanare, da quando l'ho provata non la lascio più è meravigliosa...



Messe in padella con pochissimo olio fino a quando la panatura è diventata dorata,



non occorre cucinare molto, basta che si sciolga il formaggio....



Niente male, avessi avuto un altro tipo di formaggio, tipo asiago, secondo me sarebbe stato ancora meglio

giovedì 24 luglio 2008

Triglia alla griglia



Questo è il classico esperimento in cui si incrociano tutte le dita sperando di non fare un pasticcio. Volevo prendere una bella triglia grande da fare alla griglia, vado in pescheria e la triglia grande non c'è, solo trigliette piccine, mi dico: "ma si proviamo sempre triglie sono", me le faccio pulire e lì il primo problema, non chiedo di aprirle, penso: "beh poco male le cucinerò farcendole all'interno con un battuto di prezzemolo". Arrivo a casa tutta felice la sera, le pulisco e comincio a mettere la griglia sul fuoco, qualcosa mi dice di provare prima a cucinarne una da sola per vedere cosa succede, infatti DISASTRO si attacca alla griglia e quando vado per girarla tutto a pezzetti. Decido di cambiare strategia, faccio marinare le triglie con dell'olio e del prezzemolo per una mezz'oretta e poi spennello la griglia con un pochino di olio. Alla fine è andata bene, spero di riuscire però a trovare una trigliona la prossima volta.

Ingredienti:
  • Triglie
  • Prezzemolo
  • Olio

Procedimento:

Farsi pulire le triglie dal pescivendolo, lavarle sotto l'acqua corrente per togliere le squame. Preparare un battuto con prezzemolo tritato ed olio e far marinare le triglie per circa mezz'oretta.



Scaldare la griglia e ungerla con un po' di olio, quando è bella calda adagiare le triglie facendo in modo che siano ben distanziate tra loro, in questo modo è più facile poi girarle.



I tempi di cottura sono veloci basta controllare il colore interno della triglia.



Il sapore è eccezionale, ma son convinta che con delle triglie più grandi si ottiene un risultato migliore, anche perchè in quelle piccole ci sono molte spinette.

sabato 19 luglio 2008

Ossibuchi di tacchino con funghi e patate



Questa sera avevo mezza idea fare gamberoni in padella e spaghetti con le vongole. Ma il maritozzo ha avuto una improvvisa voglia di ossibuchi, beh poco male così libero un po' di spazio nel congelatore, non ricordo neppure più quando li abbiam comprati. Onestamente io non li mangio mi fa impressione l'idea del midollo, brrrr.... Solitamente li faccio con un soffritto di carote e sedano, ma non avendo il sedano mi pareva di sprecarli facendoli solo con le carote, allora mi son guardata attorno e in dispensa ho trovato patate e funghi secchi, ho dato così il via all'esperimento....

Ingredienti:
  • Ossibuchi di tacchino ne avevo 4
  • funghi secchi 30 g bastano
  • patate (ne ho usate 3 piccole e una media)
  • 1 carota
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • farina
  • sale
  • pepe
  • origano
  • un pezzetto di burro

Procedimento:

Per prima cosa ho messo in ammollo i funghi secchi per un'oretta, poi ho lavato per bene la carne con acqua e aceto, asciugato con cura e infarinato(con gli ossibuchi di tacchino non c'è bisogno di fare il classico taglietto ai bordi per evitare l'arricciatura, non hanno il nervetto). Ho tritato la carota e fatta soffriggere in padella con il pezzetto di burro, quando ha preso un bel colorito ho messo gli ossibuchi ed ho alzato la fiamma per far rosolare bene da entrambi i lati;



innaffiato con il vino e fatto evaporare, una volta evaporato ho salato pepato e aggiunto i funghi che ho fatto insaporite con la carne per un paio di minuti.



Successivamente aggiunto le patate tagliate grossolanamete a tocchetti.



Ho filtrato poi l'acqua dell'ammollo dei funghi e aggiunta nella padella, regolato di sale spolverato di origano, incoperchiato, abbassato la fiamma e fatto a cuocere a lungo, girando di tanto in tanto, per più di un'ora.



Quando la carne è risultata tenera ho tolto il copercho e alzato la fiamma fino al quasi completo restringimento del sughino.



Come dicevo prima, io non li ho neppure assaggiati, ma pare fossero buoni visto il bis del maritozzo e la scarpetta fatta al piatto.

mercoledì 16 luglio 2008

Pasta con le patate



Non è una ricetta di grandi pretese ma è semplice e buona, ed era una vita che non la preparavo, e dato che si tratta di una cosetta veloce veloce e facile facile mentre vedevo friends, anzi è più corretto dire ascoltare dato che la tv quando cucino è alle mia spalle, mi son messa a pelare le patate...

Ingredienti:
  • pasta, ho usato le pennette
  • 3 patate
  • sale
  • origano
  • olio pochissimo
  • burro pochissimo
  • uno spicchietto d'aglio


Procedimento:

Ho pelato le patate e tagliate a dadini piccolissimi, più piccoli sono meglio è,



ho sciolto un tocchetto di burro in una padella antiaderente, ne ho messo poco, ed ho fatto rosolare lo spicchio d'aglio, quando questo ha cominciato a dorare l'ho tolto e buttato in padella le patate e fatto cuocere fino a quando non son diventate mangiabili, per fortuna essendo a tocchetti piccoli hann fatto molto in fretta.



Nel frattempo ho messo su l'acqua per la pasta, quando questa era quasi pronta ho salato le patate e cosparse di origano, non molto per la verità prefisco non abbondare, trovo che dia troppo sapore. Scolato la pasta buttato in padella e fatta saltare con le patate.



una volta nel piatto ho messo un filino ma ino ino di olio di oliva..



p.s. ho una voglia matta di andare in vacanza!!!!!!!!!!!!

mercoledì 9 luglio 2008

Code di gamberoni alla griglia con zucchine



Vacanze.. vacanze... che bella cosa, via dal lavoro, che si parta o che si resti a casa le vacanze sono il nostro pit stop. Manca poco, il traguardo è vicino, e poi un pochino di relax non ce lo toglierà nessuno, una decina di giorni in un agriturismo in toscana, buon cibo, buon vino, paesaggi meravigliosi, ottima compagnia che ci aspetta già là.. Non vedo l'ora.. Ma intanto per ingannare l'attesa continuo a spignattare in cucina, oggi è stata la volta dei gamberoni alla griglia.

Ingredienti:

  • code di gamberoni
  • 2 zucchine
  • 1 limone
  • olio
  • sale
  • pepe

Procedimento:
Coma prima cosa ho affettato le zucchine, dovevano essere per lungo, ma mi son scivolate dalla lama del robot e son venute rotonde(ma va bene ugualmente), poi le ho messe a grigliare sulla piastra; mentre loro erano lì tranquille ho sciacquato i gamberoni e tolto loro il filetto nero(senza togliere il guscio). A parte ho spremuto un limone condito con sale, olio, pepe e messo le code a marinare per un po'.
Nel frattempo le zucchine si eran grigliate le ho tolte dal fuoco e messe in un piatto.



Nella stessa griglia oramai non calda ma tremendamente calda(la fiamma era al massimo) ho messo le code e fatto cucinare fino a quando il guscio è risultato bello secco e con le classiche striature della piastra.



Una volta cotti ho messo i gamberoni sopra il letto di zucchine e via in tavola, a dire il vero dovevo versare sopra il condimento avanzato dalla marinatura, ma lo abbiamo messo poi nei nostri piatti di portata.



A proposito nella rete c'è una novità, per chi non lo sapesse, si tratta de "il bloggatore" questo blog a cui sono iscritta raccoglie tutte le ricette di cucina dei blog iscritti, è davvero una cosa comoda per cercare nuovi esperimenti da provare in cucina.. Ve lo consiglio.

sabato 5 luglio 2008

Plumcake alla menta



Niente da fare.. non sono riuscita a resistere ed oggi ho acceso il forno.. E' già da un po' che mi frulla in testa l'idea di fare un plumcake verde, e poi quella bottiglia di sciroppo alla menta già aperta da una vita.. Così dato che non c'era nessuno in casa a lamentarsi del caldo provocato dai circa 200 gradi del forno mi sono lanciata... Anche se ammetto che il forno è rimasto solo soletto mentre cucinava, io mi son ritanata della stanza del condizionatore...

Ingredienti:
  • 1 vasetto di yogurt magro
  • 200 grammi circa di farina
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito
  • 4 cucchiai di olio di semi
  • sciroppo alla menta
  • 50 grammi di zucchero.

le quantità degli ingredienti non sono quelle che uso di solito per fare i plumcake, ma dato che lo sciroppo di menta è già dolciastro di suo mi son tenuta leggera con lo zucchero, così sono andata a occhio.

Procedimento:

Ho messo tutti gli ingredienti nel robot ad eccezione dello sciroppo e del lievito, fa troppo caldo per farlo a mano, una volta amalgamato tutto e senza un grumo ho aggiunto a filo un po' di sciroppo, temevo di metterne troppo e far venire dolciastro il plumcake, dopodichè sempre facendo andare il robot ho aggiunto il lievito per dolci, impastato ancora un po' e versato tutto nello stampo.



L'impasto verdognolo fa un certo effetto a vedersi(anche se nelle foto causa flash purtroppo non si vede bene il colore), ed ho infornato il tutto a 180 gradi per circa 40 minuti. Mentre cucinava il colore verdognolo è aumentato.



Stranamente però non mi ha fatto la solita crepa classica del plumcake, forse dipende dalla quantità degli ingredienti modificata.



Non mi vergogno a dirvi che ho fatto merenda con il plum ancora tiepido, è delicatissimo..... non credevo...



Esperimento riuscito.

venerdì 4 luglio 2008

Brillante Web Blog

Questa mattina ho avuto la sorpresa e l'onore di ricevere il mio primo premio per il blog, Ringrazio di questo Stefano e il suo blog mestolo&paiolo



Ecco il regolamento:

"Il Brillante weblog è un premio assegnato ai siti e i blog che risaltano per la loro brillantezza sia per quanto riguarda i temi che per il design. Lo scopo è quello di promuovere tutti nella blogosfera mondiale!

1. al ricevimento del premio, bisogna scrivere un post mostrando il premio e citare il nome di chi ti ha premiato mostrando il link del suo blog;
2. scegli un minimo di 7 blog (o di più) che credi siano brillanti nei loro temi o nel loro design. Esibisci il loro nome e il loro link e avvisali che hanno ottenuto il Premio “Brillante Weblog”
3. (facoltativo) esibire la foto (il profilo) di chi ti ha premiato e di chi viene premiato nel tuo blog.

ora tocca a me assegnare il premio, ci sono blog che seguo da una vita a cui non ho mai partecipato, ad alcuni di questi assegnerò il premio.. Le motivazioni potranno sembrare banali, ma quelli che indicherò sono quelli che realmente ho più visito..

1. Lalla instancabile, sempre pronta a cucinare, anche con 40° all'ombra si cimenta ai fornelli
2. Andrea, questa assegnazione non ha bisogno di spiegazioni, basta solo vedere il suo blog per capire.
3.Due in cucina questo è uno blog che mi è sempre piaciuto, e che leggo sempre volentieri..
4. Conservare in frigo Anche questo è un blog che ho da molto tra i preferiti, lo trovo molto bello anche graficamente e spesso mi sono ispirata alle sue ricette.
5. Monolocale in centro Questo è il primissimo blog che ho salvato tra i preferiti... e anche quà nessuno mi conosce....
6. La polpetta perfetta, questo l'ho conosciuto da pochissimo.... mi piace è ben fatto con ricette invitanti e delle foto fatte bene..
7. Il mondo di Adrenalina Questo Blog mi ha incantata la prima volta che l'ho visto per le foto che Adrenalina posta, sono incantevoli...