Insalata di polipo

Quasi quasi cambio il nome del blog in "cooking in the rain", ma poi dovrei cambiarlo in "cooking in the warm pig" quando farà caldo; che tradotto, per chi come me mastica inglese e traduttori, significherebbe "cucinando nel caldo porco" , che forse ora come ora ancora non ce ne rendiamo conto, ma quando ci saranno 40° all'ombra fra qualche tempo andremo alla disperata ricerca di una giornata di pioggia.
Ma perchè sono quà? ah si il polipo, che non è un esperimento ma per fortuna un collaudato metodo di cottura che non lo fa diventare nè duro nè gommoso, ma tenero come una frut joi(tu resistere non puoi devi devi masticar, si, sono cresciuta negli anni '80, e tra questo e tubi tubi tubi t bacio bacio u gira gira b.... della pubblicità dei baci perugina sono rimasta segnata..).
Ritorniamo al polipo, dunque serve un polipo che sarà stato pulito ben bene dal pescivendolo, non prendetelo surgelato, l'ho preso una volta e aveva tutti gli occhietti lì che mi guardavano.



una volta portato a casa si mette a bollire in una pentola dell'acqua con un cucchiaio di aceto e mezzo limone tagliato a metà, mai mai mai mettere del sale. Il polipo va sciacquato sotto acqua fredda. Quando l'acqua bolle si prende per la testa e gli si fa una immersione nell'acqua bollente, lo si tira subito fuori(le zampette saranno tutte arricciate), si aspetta che l'acqua bolla nuovamente e si immerge nuovamente, il tutto per tre volte. Importante cucinare per circa 40 min senza mai abbassare la fiamma. Ancora più importante il polipastro deve raffreddarsi nella sua acqua di cottuta,mai toglierlo prima. In questo modo vi assicuro che verrà tenerissimo.

Ingredienti:

  • 1 polipo
  • prezzemolo
  • olio sale
  • limone

Procedimento:
Dopo aver bollito il polipo e fatto raffreddare, tagliarlo a tocchetti e condirlo con un filo di olio, sale e prezzemolo, volendo anche limone, è ottimo con le patate bollite, ma si può aggiungere qualunque cosa, olive, cipolline etc.....

7 commenti:

Anonimo ha detto...

buono

andrea matranga ha detto...

sei bravissima ,lavori il polpo come una terrona come me. Non sembri piemontese. nell'acqua acidula dopo aver spremuto il limone metti dentro le bucce e anche una costa di sedano con qualche foglia di alloro.

Tiziana ha detto...

Ciao grazie per il consiglio, la prossima volta metterò anche il sedano. Mi ha fatto immenso piacere trovare un tuo commento grazie....

Anonimo ha detto...

anche questo è uno dei miei piatti preferiti!!! (solo da mangiare xò...:):))
brava tiz
mami

Tiziana ha detto...

claudia, secondo me ti verrebbe benissimo.. ci riesco io... e come dice ratatuille tutti possono farlo...

marcella candido cianchetti ha detto...

lo sai fare bene ciao

Anonimo ha detto...

bellissimo blog! salvato tra i preferiti!:-) però mi togli l'accento dal qua ti prego!